NATALE IN SPAGNA

Grazie Sebastian, di essere con noi.

In Spagna la celebrazione del Natale è particolarmente sentita.

Le feste si protraggono dal 22 dicembre al 6 gennaio. Tutto inizia appunto il 22 con il sorteggio della Lotteria di Natale (Lotería de Navidad), avvenimento molto importante che contribuisce alla creazione dell’atmosfera natalizia. L’estrazione inizia la mattina presto e viene trasmessa dalle emittenti radiofoniche e televisive.

Il 24 dicembre si celebra la vigilia di Natale: Nochebuena (letteralmente “notte buona”). In questa serata gli spagnoli usano riunirsi per celebrare la cena più importante dell’anno. Solitamente ci si riunisce a casa dei nonni. Questa è una cena molto abbondante durante la quale si mangiano prodotti tipici locali e specialità della cucina spagnola. Durante la notte si ascoltano o vengono cantati i villancicos, canti natalizi che esprimono stati d’animo felici, ma a volte anche nostalgici e tristi. Per questi canti vengono utilizzati strumenti diversi secondo la regione, quali la concha de vieira, la zambomba  o le nacchere. Dopo la cena, Babbo Natale distribuisce i regali ai bambini sotto l’albero. In generale comunque il 25 dicembre, Navidad, si festeggia con un banchetto simile a quello della sera prima. In quel giorno, il re di Spagna legge il messaggio di auguri, trasmesso in televisione.

Dopo due giorni di pausa le celebrazioni continuano il 28 dicembre il giorno de los Santos Innocentes, durante il quale ci si fanno scherzi e ci si prende in giro a vicenda, sempre con simpatia, così come a Carnevale.

Il 31 dicembre, notte di San Silvestro, è detto Nochevieja (letteralmente “notte vecchia”), in quanto ultima notte dell’anno. Questa festa non ha il carattere familiare del Natale, tuttavia esistono tradizioni che vanno rispettate. Ad esempio si usa mangiare las uvas de la suerte (letteralmente “le uve della fortuna”), cioè 12 acini d’uva inghiottiti uno dopo l’altro allo scoccare degli ultimi secondi che indicano la fine dell’anno; oppure brindare con il vino cava (simile allo spumante) e all’alba mangiare cioccolata calda con i churro prima di andare a letto.

Questi sono alcuni dei cibi che vengono consumati durante le feste:

Turrón 

Simile al torrone, è un dolce che non può assolutamente mancare durante le festività natalizie. Il nome turròn deriva dal verbo turrar cioè tostare. Questo dolce si prepara con mandorle o noci ovviamente tostate e mescolate con miele e zucchero.

Roscón de Reyes

È uno dei dolci più antichi delle feste natalizie consiste in una torta con fichi, datteri e miele. Tra le varie fette si nascondono piccoli giochi o pupazzetti e il tutto è decorato con zucchero e frutta secca. Il dolce viene distribuito ai bambini e chi trova il premio è considerato il re della festa.

File:Roscón de Reyes.jpg

Oggi costruiremo una tabella dove confronteremo le tradizioni del Natale dei Paesi finora analizzati.

Annunci
Categorie: classe terza, italiano, scrittura | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Esposizione Artistica

Arte e immagine di A scuola con noi

La nostra Storia

Materiali di studio

Lim e dintorni

un blog sull'uso delle lavagne multimediali

Parole in gioco

giocar con la poesia

Maestra Elisa

Appuntiamoci cio' che c'e' di buono...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: