COMPRENSIONE DEL TESTO DESCRITTIVO

Leggi il testo e rispondi alle domande:

UN CANE

Buck viveva in una grande casa nella vallata di santa Chiara e regnava nella grande tenuta del giudice Miller.

Lì era nato e lì era vissuto per quattro anni della sua vita. E’ vero che vi erano altri cani: non si sarebbe potuto fare a meno di altri cani, in una proprietà così vasta; ma non contava. Andavano e venivano, alloggiando nei popolosi canili, o vivendo oscuramente nell’intimo della casa come Toots, il cagnolino giapponese, o Isabel, la messicana senza pelo, strana creatura che raramente metteva il naso fuori dall’uscio o le zampe a terra.

Ma Buck non era né un cane casalingo né un cane da canile. Tutto il reame era suo: si tuffava nella vasca e andava a caccia con i figli del giudice; e nelle serate d’inverno stava sdraiato ai piedi del giudice; scortava Mollie e Alice durante lunghe passeggiate mattutine o crepuscolari, e nelle serate d’inverno stava sdraiato ai piedi del giudice stesso davanti al camino scoppiettante della biblioteca; si lasciava cavalcare dai nipotini del giudice o li faceva rotolare sull’erba, e sorvegliava i loro passi nelle loro avventurose escursioni alla fontana nel cortile delle scuderie e anche più in là, verso i prati e i cespugli.

Suo padre, Elmo, un grande San Bernardo, era stato il compagno inseparabile del giudice, e Buck prometteva di seguire le orme del padre. Non era grosso come lui: pesava solo 140 libbre come sua madre, Shep, un cane pastore scozzese.

Da Jack London, il richiamo della foresta

  1. Dove vive Buck?
  2. Quali sono le sue caratteristiche fisiche?
  3. Quali sono le sue attività con le figlie del giudice?
  4. Cosa fa insieme al giudice?
  5. Con quali altri cani è confrontato?
  6. Com’era il padre di Buck?
  7. Com’era la madre?

Hai imparato che per descrivere un cane occorre:

  • dire dove vive
  • dire quali sono le sue dimensioni
  • dire quali sono le sue caratteristiche fisiche
  • dire com’è il suo comportamento
  • confrontarlo con altri cani.

Prova a disegnare Buck

Buon lavoro

Teacher

Categorie: classe terza, italiano, News, scrittura | Tag: , , , , , | 4 commenti

Navigazione articolo

4 pensieri su “COMPRENSIONE DEL TESTO DESCRITTIVO

  1. Giulia F.

    Mi dispiace di essere assente. Cercherò di recuperare tutto.🙂🙂🙂
    A presto

  2. Giorgia c.

    Mi dispiace che sono assente perchè mi prendo in dietro con il lavoro ciaoooooo!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Esposizione Artistica

Arte e immagine di A scuola con noi

La nostra Storia

Materiali di studio

Lim e dintorni

un blog sull'uso delle lavagne multimediali

Parole in gioco

giocar con la poesia

Maestra Elisa

Appuntiamoci cio' che c'e' di buono...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: