limerik

ANCORA LIMERICK

IL MIO CANE SALAME

Salame era il mio cane

che mangiava le banane.

Con le sue zampe le sbucciava

le ingoiava e si strozzava,

quel Salame del mio cane.

Maria e Francesca

IL LEONE PASTICCIONE

C’era  un leone dormiglione

che faceva un riposone.

Ogni zebra che vedeva la prendeva

come un gatto che correva

e per cacciare faceva un pasticcione.

Edoardo e Lorenzo B.

GATTO MATTO

Il mio gatto era matto

con tutti faceva un patto:

se qualcuno non lo rispettava

le orecchie gli mangiava.

Era veramente matto il mio gatto.

Giulia e Letizia

IL GALLO PAPPAGALLO

Quel gallo pappagallo

che adorava il ballo

musiche dall’Oriente

e anche dall’Occidente.

Ma guarda che gran ballo, quel Gallo Pappagallo.

Alvise e Luca

DELFINO CANTERINO O

BIRICHINO!!

C’era un delfino di nome Pallino

che era tanto birichino.

Giocava a pallone con un addestratore

e quando cadeva era un giocherellone.

Oh!! Che canterino questo delfino.

Martina e Rita

GATTO LEO  SPERICOLATO

Il mio gatto Leo è spericolato

e tutto il giorno mangia il gelato.

Ogni tanto graffia le tende

e sotto il letto si nasconde.

Il mio gatto Leo è spericolato.

Nicolò e Giorgia

IL CONIGLIO GIGLIO

Il coniglio Giglio

aveva un figlio.

Era molto bravo al gioco dello spettro

dove si mangiava il petto

e poi si grattava con un artiglio.

Vanessa e Asia

LA SCIMMIA  LUSILLA

La scimmia Lusilla ogni giorno cantava

e ogni elefante traballava.

Ogni volta saltava e sbatteva

e  con il tucano ballava e il gesso si metteva.

Quella scimmia sempre continuava.

Lorenzo F. Steven

Categorie: classe terza, italiano, limerik, News | Tag: , , , , , , , | 6 commenti

I NOSTRI LIMERICK

UN BEL CAGNOLINO

C’era una volta un bel cagnolino marroncino

che aveva come amico un bambino.

Un giorno gli diede un abbraccio

e si trasformò in un pagliaccio.

Fortunato cagnolino sei diventato un fighettino.

Piercarlo e Simone

GATTONE, CICCIONE, STUPIDONE

Il mio gattone è un vero ciccione

e quando cammina fa un ruttone.

Quando mangia si riempie la pancia

poi come dessert si prende un ‘ arancia,

il mio gattone è un vero stupidone.

Alex e Sebastian

STELLA E BELLA

C’era una gattina di nome Stella

che cantava insieme alla sua amica Bella

delle melodie divertenti

e altre che erano avvincenti.

Quella Stella era proprio una monella.

NOEMI E FRANCESCA V.

Il ballo del cavallo

Il cavallo pappagallo

è un fan del traballo.

Ogni bambino che lo vede

come un matto gli sorride

e per applaudire si veste di giallo.

Giorgia C. Camilla  Akousa

L’unicorno

L’unicorno dal corno dorato

è sempre bello e spensierato.

Ogni volta che volava

una parolina gli scappava.

La parolina è:…Ue! Ue!… Mamma! Sono bagnato!

Sara Andjela

Gallo il cavallo che amava il gallo

C’era un cavallo di nome Gallo

che andava matto per il ballo

ogni mattina ballava il tango

e andava a letto la sera ricoperto di fango

Così si svegliava con il traballo.

Gino grassotti e Lulù con il tutu

C’era un cavallino  di nome Gino

che era grassottino e piccolino

aveva una cuginetta di nome Lulu

che indossava un bel tutu.

E  giocavano insieme fino al mattino.

Rachele Anna

Il panda Lamba

C’era un panda di nome Lamba

che voleva comprare un’auto stramba.

Un bambino gliela regalò

ma assomigliava a un pedalò

Così il panda ci entrò con una gamba.

Giorgio Gabriele

Un gatto da strapazzo

C’era un gatto di nome Tatto

che sognava di essere matto.

Alla mattina si lavava

mentre fischiettava.

Quel gatto Tatto faceva con tutti un patto.

Fabio Nicolò

IL CONIGLIO DI MIO FIGLIO

Il coniglio  di mio figlio

dorme in un ripostiglio.

E’ un ciccione

e ogni giorno gioca a pallone,

quel coniglio di mio figlio.

Ruggero Andrea

Gattone, ciccione, stupidone

Il mio gattone è un vero ciccione

e quando cammina fa sempre un ruttone.

Quando mangia si riempie la pancia

poi, come dessert si prende un’arancia.

Il mio gattone è uno stupidone.

Sebastian Alex

Gatto pasticcione

C’era un gatto di nome Ezechiele

che diceva frasi parallele.

Ogni ragazza che lo ascoltava

come una matta con lui cantava

quel gattone di nome Ezechiele.

Ana e Giorgia U.

Categorie: classe terza, italiano, limerik, News, poesia | Tag: , , , | 23 commenti

IL LIMERICK

Lavoriamo in coppia per produrre un Limerick.

Il limerick è un gioco di rime, una poesia nonsense, vale a dire quasi sempre basata sull’assurdo e su giochi di parole senza senso. Il suo fine è quello di far divertire, creando situazioni estrose e fantasiose. Ma attenzione! la posizione della rima è molto importante.

Le regole per costruire un limerick:

Si compone di cinque versi che parlano di cose stravaganti ed assurde, a volte senza capo né coda.

  • Il primo verso contiene la scelta del protagonista.
  • Il secondo verso indica una qualità o un’azione del protagonista e rima con il primo
  • Il terzo e il quarto verso che rimano tra loro, sviluppano l’azione impostata nei primi due versi
  • Il quinto verso rima con i primi due e spesso ripresenta il protagonista con ripetizione dell’ aggettivo qualificativo o con uno nuovo.

È  bello accompagnare la produzione poetica al disegno che rappresenta il protagonista del limerick alle prese con qualche situazione assurda.

1. Componi un limerick. Ti diamo una lista di parole in rima da utilizzare come preferisci. Se non ti piacciono puoi trovarne altre da solo.

Gatto   –     matto    –   patto

cane     –     pane     –  rane

coniglio     –     figlio      –  miglio

cavallo  –    ballo       –   traballo

ESEMPIO:

C’era un cagnolino di nome Lele

che recitava frasi in rime parallele.

Ogni bambino che lo ascoltava

come un matto le canticchiava

e per applaudire si leccava le chele.

Teachers

Categorie: classe terza, italiano, limerik, News, poesia | Tag: , , , , , | 2 commenti

Blog su WordPress.com.

Esposizione Artistica

Arte e immagine di A scuola con noi

La nostra Storia

Materiali di studio

Lim e dintorni

un blog sull'uso delle lavagne multimediali

Parole in gioco

giocar con la poesia

Maestra Elisa

Appuntiamoci cio' che c'e' di buono...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: