Articoli con tag: classe-terza

Notizie da Londra

Ciao a tutti amici, io Giulia sono andata in vacanza a Londra con la mia famiglia e vorrei condividere con voi le mie esperienze!!!
Abbiamo affittato una casetta lontana 8 chilometri dal centro di Londra e quasi ogni giorno  abbiamo preso i bus e la metropolitana per andare in centro.
Al pomeriggio del primo giorno siamo andati a vedere il Big Ben che mi ha affascinato moltissimo!!!
Big Ben

Big Ben

Siamo andati anche a Buckingham Palace e abbiamo visto il cambio delle guardie: è una vera festa!!!

Buckingham Palace

Buckingham Palace

E quel pomeriggio sono salita sulla ruota panoramica London Eye: è stato fortissimo!!!

London Eye

London Eye

Un’altra cosa emozionante è stato il Tower Bridge, io volevo vedere che si alzava ma purtroppo non ho visto quando si alzava!!

Tower Bridge

Tower Bridge

Queste sono state alcune delle cose più emozionanti ma di avventure ce ne sono state tante altre!!!!
A presto!!  🙂
Grazie Giulia delle tue foto e del tuo racconto… Rachele e tutti i compagni apprezzeranno tantissimo…
A presto, cara
Teacher
Categorie: classe terza, News | Tag: , , , , , , , , | Lascia un commento

FINESTRA SUL MARE

Per un attimo nella nostra aula si è aperta una finestra sul mare…

Mare splendente

Azzurro lucente

Luce solare

Scarlatto Agrifoglio

Mare gioioso

infinite onde di stupore

mi trasportano.

Fiocco D’argento

Mare lucente

colore  splendente

acqua profonda

racchiusa in un’ onda,

mare infinito

azzurro smarrito.

Calciatore Brillante

Mare splendente

strilli di gabbiani

mi trasportano.

Sailor Moon

Onde calme

mi tuffo nella sua musica

mondo magico.

Dance Girl

Mare pazzerello

risciaqua le mie mani

pulito brillante

Fiore Brillante

Mare tranquillo

che prosciuga

i castelli di  ogni  bambino

Cuore Gio

Acqua melodiosa

curiosa e misteriosa

conchiglia lucente

brillante e abbagliante

seppia marina

grande o piccolina

Stella Brillante

Mare tranquillo

mi tuffo nella fantasia

libertà lucente

Super Flash

Mare particolare

azzurro da aiutare

onde infinite

la temperatura è mite,

acqua inquinata

la splendezza del mare se n’è andata.

Consigliere della morte

Acqua lucente,

un filo d’aria fresca  mi sfiora,

mi tuffo nella luce.

Sciatore d’argento

Acqua brillante

si riflette nel mare abbagliante.

I gabbiani volano

sempre più lontano.

CUORE LUMINOSO

Mare silenzioso

mi tocca una goccia

tranquillità nel cuore

LUNA D’ARGENTO

Mare che brilla

finisce nel blu

risplende al sole.

 

Mare vivente

scorre veloce

si scalda al sole.

Dog Dance

 

 

Mare incantato

mare fatato.

Colore lucente

sapore splendente.

Acqua profonda

fatata onda.

Fin il forte

 

 

Sento il mare

che parla

di onde profonde,

che all’orizzonte

mi incantano.

Dastan il forte

 

Sole sole splendente

affacciato al mare

al mare freddo

che mi riscalda.

Agente 007

 

Mare stellato

azzurro e incantato

mare bambino

sei molto carino

mare lucente

molto potente.

Bambino Carino

 

Mare che nasce come un uccellino

mare che arriva come un gabbiano

mare che dorme come un gufo

mare che sogna come una persona.

Farfalla Brillante

 

Luce che sboccia e che va

il giorno della felicità.

Senti di già

il mare che viene

da te.

Senti le onde nel cuore

come le sente il Signore ,

onde fresche onde calde

onde di cuore, onde di fede.

Melodia è magia

 

Mare tranquillo

infinite onde di gioia

che mi colorano.

Flower  girl

Categorie: News | Tag: , , , , , | 9 commenti

C’É POST@ PER TE

C’É POST@ PER TE
Scrivi un’E-mail a un/a tuo/a compagno/a di classe. In questo messaggio devi esprimere alcune considerazioni positive su di lui/lei (che cosa trovi di bello e positivo del suo carattere, del suo modo di relazionarsi con gli altri…). Quando tutti avranno terminato il lavoro ognuno si alzerà (uno alla volta) e consegnerà il messaggio al compagno di classe. C’ É POST@ PER TE

Categorie: classe terza, italiano, scrittura | Tag: , , , , , | Lascia un commento

IL POPOLO DEGLI YANOMAMI

1

Oggi abbiamo incontrato un’esperta che ha vissuto un’ importante esperienza qualche tempo fa nella foresta amazzonica. Giulia fu chiamata in aiuto con la sua equipe per aiutare il popolo degli Yanomami, che in quel periodo era stato colpito da un’epidemia di parotite ( i nostri orecchioni). Tale virus stava uccidendo tutti i bambini e così alcuni medici italiani furono invitati dai padri salesiani e accorsero in loro aiuto.

Gli Yanomami vivono a nord del Rio Negro, segnato in viola

Il racconto dell’esperienza ci ha colpito molto e nei prossimi giorni rifletteremo sull’importanza dell’opportunità che ci è stata offerta. La signora Giulia infatti, oltre che al racconto orale del suo viaggio, ci ha portato alcuni oggetti preziosissimi quanto rari e alcune diapositive che testimoniano la vita di quel popolo che ci sembra lontano non solo nello spazio, ma anche nel tempo.

Riportiamo qui alcune foto degli oggetti mostrati.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Scriveremo un testo informativo sul popolo degli Yanomami, corredato dalle nostre considerazioni.

Seguiteci…

Categorie: classe terza, intercultura, italiano, News, scrittura | Tag: , , , , , | 2 commenti

GIORNATA MONDIALE DEL LIBRO E DEL DIRITTO D’AUTORE

La Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, è un evento patrocinato dall’UNESCO per promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri e la protezione della proprietà intellettuale attraverso il copyright.
A partire dal 1996, viene organizzata ogni anno il 23 aprile con numerose manifestazioni in tutto il mondo.

L’obiettivo della Giornata è quello di incoraggiare a scoprire il piacere della lettura e a valorizzare il contributo che gli autori danno al progresso sociale e culturale dell’umanità.

Il 23 aprile è stato scelto in quanto è il giorno in cui sono morti nel 1616 tre importanti scrittori: lo spagnolo Miguel de Cervantes, l’inglese William Shakespeare e il peruviano Inca Garcilaso de la Vega.

Oggi, in classe, dedichiamo il nostro tempo alla lettura.

Ciascuno di noi porta il proprio libro preferito e ne regala un assaggio ai compagni.

Poi, in coppia, visioneremo i nuovi cataloghi delle case editrici per conoscere le novità che potremo trovare in libreria e in biblioteca e raccoglieremo i titoli preferiti in un opuscolo che porteremo con noi a fine giornata, dal titolo…

… IL LIBRO CHE VORREI…

Oggi… è una bella giornata… per crescere…

Buona lettura a tutti

Teacher

…Leggimi subito, leggimi forte
Dimmi ogni nome che apre le porte
Chiama ogni cosa, così il mondo viene
Leggimi tutto, leggimi bene
Dimmi la rosa, dammi la rima
Leggimi in prosa, leggimi prima

Bruno Tognolini

Categorie: classe terza, incontro con l'autore, News | Tag: , , , , | 1 commento

GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Oggi, 22 aprile, si celebra la Giornata Mondiale

della Terra.

Earth Day, La Giornata della Terra, è il nome usato per indicare il giorno in cui si celebra l’ambiente e la salvaguardia del pianeta Terra. Le nazioni Unite celebrano questa festa ogni anno, un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera, il 22 aprile.

La celebrazione che vuole coinvolgere più nazioni possibili, ad oggi coinvolge precisamente 175 paesi.

I gruppi ecologisti lo utilizzano come occasione per valutare le problematiche del pianeta:

  1. l’inquinamento di aria, acqua e suolo,
  2. la distruzione degli ecosistemi,
  3. le migliaia di piante e specie animali che scompaiono, e l’esaurimento delle risorse non rinnovabili.

Si insiste in soluzioni che permettano di eliminare gli effetti negativi delle attività dell’uomo.

Queste soluzioni includono:

  1. il riciclo dei materiali,
  2. la conservazione delle risorse naturali come il petrolio e i gas fossili,
  3. il divieto di utilizzare prodotti chimici dannosi,
  4. la cessazione della distruzione di habitat fondamentali come i boschi umidi  
  5. la protezione delle specie minacciate.

In classe, creiamo un invito speciale per ricordare l’importanza del rispetto del pianeta terra. Deve contenere:

  1. Quando?
  2. Cosa?
  3. Una bella illustrazione artistica da te creata,
  4. Uno slogan, cioè una frase, che convinca tutte le persone a rispettare e a salvaguardare la Terra.

Pubblicheremo i lavori più particolari.

Buona Terra a tutti

Teacher

Categorie: classe terza, News | Tag: , , , | Lascia un commento

俳句 – Haiku

俳句 – Haiku

Pronti per la nostra nuova poesia?
Dopo le poesie in rima sulla primavera, vi lancio una nuova sfida. Ancora più difficile. Statene certi. Il nuovo gioco è:

“Scrivi il tuo haiku”

“E che cos’è un haiku?” chiederà qualcuno.
Diciamo che si tratta di un brevissimo ma intensissimo componimento poetico giapponese.

“Non mi hai detto nulla” insisterà il solito qualcuno. “Come si scrive?”

Allora… cominciamo…

L’haiku, pronuncia giapponese /haikɯ/ con tono basso su /ha/ e tono alto su /ikɯ/) è un componimento poetico nato in Giappone, composto da tre versi per complessive diciassette sillabe.
È caratterizzato dalla struttura in 3 versi:

5 sillabe

7 sillabe

5 sillabe

In ogni haiku è presente il kigo, cioè un elemento della natura legato alla stagione scelta per la poesia.

Nell’haiku il poeta fissa uno stato d’animo attraverso le immagini della natura che lo circonda. Tra i molti sentimenti presenti in un componimento i principali possono essere:

Sabi, il silenzio: il sentimento della solitudine, del distacco, della calma.

Wabi, l’imprevisto: lo stato d’animo prodotto da qualcosa di inaspettato che attira l’attenzione e risveglia dalla malinconia.

Yugen, il misterioso: lo stato d’animo prodotto dal fascino inspiegabile delle cose, il sentire un universo ‘altro’, colmo di misteriosa unità.

Eccone alcuni esempi:

Vecchio stagno

una rana si tuffa.

Rumore dell’acqua.

古池や蛙飛びこむ水の音

Stanco:

entrando in una locanda

fiori di glicine.

草臥て宿かる比や藤の花

Profumo bello

È primavera:

un fiore sboccia.

Tocco frusciante

Infinità di onde:

Voce di acqua.

In questo mondo

anche la vita della farfalla

è frenetica.

Questo è il lavoro di un vostro compagno di Tokyo della vostra età. A scuola ha scritto un Haiku e questo è il suo quaderno.

Ve la sentite di provare? Io l’ho fatto e mi è piaciuto tantissimo, ma voi potete fare certo di meglio.

“Come si gioca?”

Normalmente gli haiku non dovrebbero avere titolo ma questo a noi non interessa.

Mettetecelo pure e soprattutto includeteci la parola haiku, magari tra parentesi.

Questo permetterà agli altri di individuare subito di cosa stiamo parlando.

Provate, che aspettate…

sono sicura che ci prenderete gusto…..

parola di  teacher…

Qui trovate dei bellissimi lavori da consultare… Edizioni di classe “La banca delle emozioni”… vale la pena fermarsi un po’ e leggere…

Categorie: classe terza, italiano, poesia | Tag: , , , , , | Lascia un commento

AVVIO AL RIASSUNTO – 2

Un’altra tecnica che utilizzeremo per scrivere un riassunto è

DIVIDERE IL TESTO IN SEQUENZE

… procedendo così:

  • dividi il testo in sequenze, capoversi o paragrafi

  • per ogni sequenza scrivi una frase che la riassuma

  • riscrivi le frasi nell’ordine, collegandole in modo logico

Per dividere correttamente il testo in sequenze, devi individuare diversi elementi, primi tra i quali: i luoghi, i tempi ed i personaggi.
Ogni volta che entrerà in scena un nuovo personaggio si avrà una nuova sequenza. Potranno essere più o meno lunghe, a seconda della loro importanza.

Nello scrivere poi il riassunto cerca di utilizzare parole tue.

Al lavoro…

IL TOPO DI CITTA’ E IL TOPO DI CAMPAGNA

di Esopo

Un giorno il topo di città andò a trovare il cugino di campagna. Questo cugino era di modi semplici e rozzi, ma amava molto l’amico di città e gli diede un cordiale benvenuto. Lardo e fagioli, pane e formaggio erano tutto ciò che poteva offrirgli, ma li offrì volentieri.

CAMBIO SEQUENZA

Il topo di città torse il lungo naso e disse: – Non riesco a capire, caro cugino, come tu possa tirare innanzi con un cibo così misero ma certo, in campagna non ci si può aspettare di meglio. Vieni con me, ed io ti farò vedere come si vive. quando avrai trascorso una settimana in città, ti meraviglierai di aver potuto sopportare la vita in campagna!

CAMBIO SEQUENZA

Detto fatto, i due topi si misero in cammino e arrivarono all’abitazione del topo di città a notte tarda.

CAMBIO SEQUENZA

– Desideri un rinfresco, dopo un viaggio così lungo? – domandò con cortesia il topo di città; e condusse l’amico nella grande sala da pranzo. Qui trovarono i resti di un ricco banchetto e si misero subito a divorare dolci, marmellata e tutto quello che c’era di buono.

CAMBIO SEQUENZA

Ad un tratto udirono dei latrati.
– Che cos’è questo? – chiese il topo di campagna.
– Oh, sono soltanto i cani di casa – rispose l’altro.
– Soltanto! – esclamò il topo di campagna. – Non amo questa musica, durante i pasti. -In quell’istante si spalancò la porta ed entrarono due enormi mastini: i due topi ebbero appena il tempo di saltar giù e di correre fuori.

CAMBIO SEQUENZA

– Addio, cugino – disse il topo di campagna.
– Come! Te ne vai così presto? – chiese l’altro.
– Si – replicò il topo di campagna:  “Meglio lardo e fagioli in pace che dolci e marmellata nell’angoscia.”

ORAZIO

Illustra ogni sequenza con un disegno.

Scrivi con parole tue, il riassunto.

Buon lavoro                                                                                                       Teacher

Categorie: classe terza, italiano, News, scrittura | Tag: , , , , , | Lascia un commento

LIBRI IN FILASTROCCA

LIBRI IN FILASTROCCA

I miei libri sanno a memoria

qualsiasi storia.

Sanno quella degli indiani,

dei pellerossa, degli africani,

dei pirati, dei corsari,

dei beduini che vanno nel deserto

a cavallo dei cammelli e dei dromedari.

Loro sanno tutti i perché

perché la luna c’è e non c’è

perché il sole scompare

in fondo al mare,

perché la neve cade

e dove vanno a finire tutte le strade.

Sui miei libri ci sono pure

le figure:

a sfogliarli come niente

si conosce tutta la gente.

Se in casa son solo,

non mi lamento.

Con la mia libreria

Io sono sempre in buona compagnia!

Gianni Rodari

Completa nel quaderno:
Il verso della filastrocca che mi è piaciuto di più è ……………. Perché……
Questa filastrocca mi fa capire……………………….. perché………………………
Questa filastrocca mi insegna…………………………………………………………….
Leggendo la filastrocca ho provato…………………………………………………….
NEL QUADERNO DI POESIA SCRIVI UNA POESIA, SE VUOI IN RIMA, CHE PARLI DEI LIBRI E DELL’IMPORTANZA DEL LEGGERE, dal titolo… “IL LIBRO CHE VORREI”

 

Qui trovi alcuni nostri lavori di poesia…. 

Categorie: classe terza, italiano, News, poesia | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

AVVIO AL RIASSUNTO


come-fare-un-riassunto_324x268

Il riassunto è un testo che abbrevia un altro testo e che ha lo scopo di aiutare nel ricordare le informazioni principali. E’ importante saper fare un riassunto soprattutto quando si deve studiare un argomento.

Riassumere un testo significa “togliere” qualcosa al testo originale ma lasciar indicate le informazioni principali. Il segreto del riassunto sta nel mantenere ciò che è necessario e tagliare quello che non lo è.

Fare un riassunto è una delle cose più difficili della lingua italiana.

12349576-riassunto-bambino-pensieroso-illustrazione-su-sfondo-bianco-per-la-progettazione

Le regole per scrivere un buon riassunto sono:

1)      Leggere attentamente il testo

2)      Cercare nel vocabolario le parole sconosciute

3)      Capire il senso del racconto

4)      Eliminare le parti del testo che non sono necessarie

5)      Rileggere alla fine il riassunto e controllare che sia chiaro e corretto.

Ci si può servire di diverse strategie, che un po’ alla volta analizzeremo.

Inizieremo con la

SOTTOLINEATURA:

  • sottolinea, nel testo, le parti essenziali
  • rileggi e collega tra loro in modo opportuno tutte le parti sottolineate
  • scrivi il riassunto legando bene tra loro le parti
RICORDA: nel riassunto si una solo il discorso indiretto e la terza persona.

Lavoro collettivo: leggiamo insieme il testo, sottolineiamo le parti importanti e poi, singolarmente, scriviamo il riassunto legando in modo opportuno le parti tra loro.

C’era una volta in aperta campagna, uno stagno, pieno di erbe verdi e di larghe,
galleggianti foglie di ninfea. Qua e là sull’acqua calma, si aprivano le corolle dei
fiori dai petali rosei di questa pianta.
Nel laghetto vivevano bisce d’acqua, rospi, rane e raganelle dai colori variopinti e un’innumerevole folla d’insetti. Le agili e leggiadre libellule, le pungenti zanzare, le noiose mosche. A volte, a visitare le corolle delle ninfee, arrivavano i pelosi bombi a strisce gialle e nere e le api operose.
Tra tutti questi abitanti che più o meno vivevano pacificamente, ce n’erano due, un rospetto marroncino dalla pelle chiazzata da macchie più scure e una
verde ila. Loro proprio non si sopportavano, uno diceva di essere più bello e importante dell’altro , di essere il padrone di quel piccolo mondo, di saper saltare e cantare divinamente, cioè nel modo migliore.
La raganella pur essendo più piccola del rospo era la più agguerrita, e non mancava mai di vantarsi. S’inventava di avere delle origini nobili, di scrittori che di lei avevano scritto nelle loro storie, della potenza della sua voce e così via…
Un giorno nello stagno arrivò una biscia affamata che di quella boriosa stava per farsene un sol boccone… Il rospo però con tutti i suoi amici accorse in suo aiuto.
Tutti insieme gracidarono così forte che la serpe confusa dalle vibrazioni prodotte dal gran frastuono, abbandonò “il campo”e la sua preda. Da allora i due divennero amici inseparabili!

Testo preso dal web

Nella prossima lezione prenderemo in esame un’altra strategia importante per riassumere.

Intanto…

Buon lavoro                                                                                                        Teacher

Categorie: classe terza, italiano, News, scrittura | Tag: , , , , | 1 commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Esposizione Artistica

Arte e immagine di A scuola con noi

La nostra Storia

Materiali di studio

Lim e dintorni

un blog sull'uso delle lavagne multimediali

Parole in gioco

giocar con la poesia

Maestra Elisa

Appuntiamoci cio' che c'e' di buono...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: